Comunanza Agraria 2017: camminiamo insieme

Caro Lettore, vorrei iniziare questa mia lettera per tutti gli utenti della Comunanza Agraria, porgendo un sincero e cordiale ringraziamento a

tutti coloro che si sono recati a votare perché ci hanno reso omaggio con il loro consenso e ci hanno spronato a fare quanto espresso con i programmi;

a i candidati presidente, che con il loro entusiasmo e la loro convinzione hanno fatto si che questa tornata elettorale fosse una delle più sentite e combattute negli ultimo 16 anni; invito Luigi e Luca a collaborare con il Consiglio di Amministrazione che si è formato, con le loro idee e i loro suggerimenti che ci potranno essere espressi in tutte le prossime occasioni di incontro per rinnovare e dare un impulso di crescita al nostro amato S. Eraclio;

 

consentitemi anche di ringraziare i candidati consigliere che non sono stati eletti, Nicola ed Alessio,, anche a loro faccio lo stesso invito che ho fatto ai candidati presidenti ed a sostenerci con le loro idee perché sono certo che abbiamo bisogno di tutti e di avere più alternative possibili per superare la crisi economica e soprattutto la crisi sociale che ogni giorno crea una pericolosa barriera tra le diverse classi del nostro amato Paese;

 

Sant'EraclioInfine vorrei esprimere un invito a tutte le Associazioni che sono presenti sul territorio della Comunanza Agraria, vi chiedo di fare ogni sforzo affinché il documento che abbiamo sottoscritto nel maggio 2016 al Castello, non rimanga sulla carta. Dobbiamo dimostrare un senso nuovo di appartenenza, nel rispetto dei valori delle associazioni che rappresentate ma anche per accelerare il passo che ci porterà a “camminare insieme”, mi auguro, verso la creazione di un S. Eraclio più unito e più forte, che sa affermare i propri valori e allo stesso tempo sa andare incontro a chi è rimasto indietro, a chi con dignità e modi silenziosi grida il suo dolore di disperazione o solitudine! Non possiamo girare lo sguardo dall’altra parte e proseguire.

Occorre capire come aiutare i giovani a dare concretezza ad un futuro che li veda protagonisti e al centro di progetti di medio e lungo termine;

occorre volgere lo sguardo ai troppi disoccupati che girano nelle vie del nostro Territorio e capire se è possibile dare una via di fuga da questa realtà che li deprime e li isola.

Non dimentichiamo le persone anziane, sia esse sane, che possono essere una risorsa importante per la crescita di S. Eraclio, ma anche quelle malate, che troppo spesso sono sole loro o le persone care che se ne occupano, abbiamo sinceramente l’obbligo morale di tentare di creare delle soluzioni e di farlo “ camminando insieme”

La nostra Carta costitutiva ,lo Statuto recita all’articolo 2;

la Comunanza Agraria di S. Eraclio ha lo scopo di:

  1. Curare gli interessi della collettività degli utenti dei quali assume la rappresentanza legale , sia davanti alla Autorità amministrativa che alla Autorità giudiziaria;

  2. Provvede alla conservazione e al miglioramento del patrimonio , a regolamentarne il godimento diretto ed indiretto e tutelare i diritti della popolazione per quanto si riferisce agli usi civici

  3. …. Amministrare i beni che costituiscono il patrimonio collettivo destinando le rendite alle spese per la gestione, il miglioramento del patrimonio, lo svolgimento di tutte le iniziative tendenti ad incrementare l’economia della zona, compresa quella montana.

Vi garantisco, come Presidente della Comunanza Agraria, che insieme a tutti i consiglieri e a tutte le associazioni cercheremo di creare e realizzare questo impegno, anche per dare un senso alla data storica del 21 Dicembre 2018, quando la nostra Comunanza Agraria compirà 100 anni.

Centro GiovaniGrazie per avermi seguito in questa lettera, altre ne seguiranno anche da parte dei consiglieri, vogliamo esservi vicini anche con i mezzi telematici, ma preferiremmo che accettiate il nostro invito di

“camminare insieme “ per un S. Eraclio più vivibile e più vicino alla sua gente.

  

Grazie

Giacomo Committeri