di  Andrea Piermarini

FOLIGNO – S.Eraclio rivaluta il passato per dare consistenza al futuro arricchendolo di valori quali la dedizione, l’impegno e la spontaneità. Questi ideali si sono concretizzati nella vita di Ubaldo Soli, Carlo Marchionni e Guerrino Gentili personaggi simbolo di una folta schiera di volontari artefici sin dal 1991 della nascita e dello sviluppo della struttura polivalente del Circolo ricreativo in via S.Abbondio. “Mettendo a disposizione gratuitamente i loro talenti hanno rappresentato un valore aggiunto, un fulgido esempio per la collettività, testimonianze che hanno sostenuto e incrementato nel paese la qualità dei servizi, delle strutture e delle relazioni tra le persone, lasciando un segno indelebile nel cuore di chi ha avuto la fortuna di conoscerli e apprezzare”.

Cosi il presidente della ComSant'Eraclio: festa del volontariato 2013unanza Agraria Giacomo Committeri nel corso della “Festa del Volontariato”. Un segno tangibile dell’estrema gratitudine è stata la volontà congiunta del Circolo ricreativo e della locale Comunanza Agraria di dedicare il parco pubblico di via S.Abbondio alla memoria di Ubaldo Soli e Carlo Marchionni e il bocciodromo a Guerrino Gentili anche campione italiano di bocce. La cerimonia svoltasi alla presenza dell’assessore all’associazionismo Rita Zampolini e del consigliere comunale Maura Franquillo, del neo presidente del Circolo ricreativo Benvenuto Bruschi è consistita nello scoprimento di due rispettive targhe benedette dal parroco dell’Unità pastorale “S.Eraclio – Cancellara” don Luigi Filippucci il quale ha sostenuto che “è indispensabile riscoprire la profondità dell’essere per realizzare l’avere che è di tutti senza distinzione.” Un momento ricco di forte emozioni sia per i familiari presenti che per i numerosi cittadini scandito da uno scrosciante applauso. “Ci stiamo attivando affinché il parco di via S.Abbondio sia sempre più un luogo di aggregazione tra generazioni per tutto il territorio”. Questo l’appello di Benvenuto Bruschi neo presidente del Circolo ricreativo affinché la popolazione si riappropri di un’area che è costata sacrificio, abnegazione e altruismo. L’assessore Zampolini ha proposto di organizzare la Festa dei Vicini di Casa per mettere al centro la socializzazione tra le persone. Un momento conviviale ha terminato la manifestazione.