di Andrea Piermarini

Sant'Eraclio:Monastero Betlem FolignoFOLIGNO - Su volontà della Diocesi di Foligno, domenica 7 settembre 2014 le comunità parrocchiali delle chiese dell’Unità Pastorale “Sant’Eraclio – Cancellara” e le monache contemplative del Monastero agostiniano “Santa Maria di Betlem” vivranno uno straordinario evento religioso. In quella giornata, che rimarrà negli annali della storia della frazione folignate, si svolgerà infatti l’erezione a Santuario Diocesano della Chiesa Monastica “Madre del Buon Consiglio”. Fonti storiche attestano che dal 1380 al 1862 le monache di Betlem hanno vissuto nel rione di Santa Maria in Campis, e solo dal 1879 si trasferirono nel Palazzo Pierantoni nel centro storico di Foligno. Dal 1981 il Monastero situato sulla collina che sovrasta il centro abitato di Sant’Eraclio è l’attuale sede della comunità. L’opera fu progettata dall’architetto Franco Antonelli che la definì “Cittadella spirituale dell’uomo”. Nel corso dei secoli il culto e la devozione alla Madonna del Buon Consiglio ebbe un grande impulso sotto il pontificato di Clemente XII, appartenente ad una famiglia di origine albanese. E non è un caso che il Santuario Diocesano rappresenterà un punto di ristoro spirituale per i pellegrini e i migranti. Il programma della cerimonia prevede alle ore 17 una solenne concelebrazione liturgica del Vescovo di Foligno Monsignor Gualtiero Sigismondi con l’animazione liturgica da parte del coro di “Santa Cecilia” diretto dal professore Antonio Barbi. L’evento avrà senza alcun dubbio una ricaduta nel sociale in quanto con l’erezione del santuario diocesano in una realtà multietnica come quella di Sant’Eraclio la chiesa locale dimostra la sua piena disponibilità a favorire nel rispetto delle diversità, un’integrazione interculturale che si concretizza attraverso i valori dell’accoglienza e della solidarietà.