di Andrea Piermarini
La_cittadinanza_incontra_l'Amministrazione_comunale

Ripristinare le Consulte di Quartiere, ampliare a Sant’Eraclio il limite di velocità di 30 chilometri orari, riparare le fogne otturate in via Santocchia e le buche in via Polanga, introdurre nel paese il senso unico, realizzare un percorso pedonale protetto in via Spoleto.

Garantire una maggiore pulizia in tutta la frazione folignate.  Riqualificare Piazza Gramsci. Sollecitare il progetto relativo all'ambito localizzato dietro l'ufficio postale di via Bordina.

 

Sbloccare i lavori post- sisma all'interno del Castello dei Trinci in quanto è un biglietto da visita indecoroso per i numerosi pellegrini che percorrono la via Francigena e Lauretana e perché può rappresentare in futuro un fattore di sviluppo turistico ed una risorsa occupazionale per la collettività. 

Queste le situazioni di disagio e le richieste della popolazione di Sant'Eraclio rivolte all'Amministrazione Comunale nel corso dell'incontro promosso dal Circolo n.5 del Partito Democratico nella sede di via Sant'Abbondio.

Recentemente il Pd locale ha rinnovato i propri vertici dando fiducia a due giovani: Edoardo Franquillo (segretario) e Elisa Bedori (vice).

Presenti il sindaco Nando Mismetti, l'assessore ai servizi sociali Maura Franquillo e l'assessore ai rapporti con i centri frazionali e ai lavori pubblici Graziano Angeli oltre al consigliere comunale del Pd Michela Matarazzi. 

Nel prendere la parola, Angeli ha assicurato che prossimamente saranno concordate con gli abitanti modifiche alla viabilità di via Parini. Migliorie al manto stradale di via Colle Scandolaro.
Ha anche annunciato che il percorso della pista ciclabile in via Santocchia sarà protratto sino all'intersezione con via Cupa, che verrà realizzata la segnaletica orizzontale sulle strade ed effettuati i lavori del Piano integrato di recupero (Pir) a Cancellara.

L'assessore Franquillo ha dichiarato che sono state potenziate le borse lavoro e che il Comune di Foligno ha aderito al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar) che consente di realizzare progetti di accoglienza per sopperire cosi all'emergenza degli sbarchi nel Mediterraneo. 

Il primo cittadino Nando Mismetti ha sostenuto che è indispensabile per la realtà di Sant'Eraclio saper intercettare i fondi europei proponendo un progetto che sappia coniugare le bellezze paesaggistiche con i prodotti tipici come l'olio e l'arte e la cultura che trasudano nell'antico borgo medievale del Castello dei Trinci.