di Andrea Piermarini


nuovo oratorioFOLIGNO – L’Oratorio “don Mariano” è ormai una realtà istituzionale dell’Unità Pastorale “Sant’Eraclio – Cancellara” consolidata da 9 anni, che si prefigge una crescita armonica sia collettiva che individuale della gioventù del territorio.

Si struttura nel “Fare i compiti” dal martedì al venerdì, con le attività ludico ricreative il sabato, i laboratori creativi e formativi del mercoledì e giovedì con la fattiva collaborazione delle associazioni “Il Girasole”, “Il Carnevale dei Ragazzi” e l’A.s. “Sant’Eraclio”.

Insieme al Comune di Foligno ha realizzato servizi per contrastare il fenomeno del disagio giovanile, la devianza minorile e l’abbandono scolastico.

 

Con lo slogan “L’educazione rende forti” a ben 50 ragazzi presenti tutti i pomeriggi   è stata data la concreta possibilità di realizzare iniziative e attività nel rispetto delle culture e delle differenti tradizioni.

Tale lusinghiero risultato è stato conseguito grazie alla perseveranza e alla professionalità di un folto gruppo di giovani operatori pastorali e al volontariato qualificato di numerosi adulti.

nuovo oratorioAlla crescita di questa realtà hanno contribuito oltre alla Parrocchia, diversi soggetti dalla Fondazione Carifo, al Coordinamento regionale degli Oratori, al Comune.

L’oratorio mira anche a riscoprire e valorizzare tradizioni, arti e mestieri con la creazione di tre distinti laboratori: “Ago – Filo e Piccola Sartoria”, “Cucina tradizionale, erbe aromatiche e campagnole”, “Cartapesta e lavorazione gommapiuma”.

L’iniziativa è rivolta a ragazzi e giovani dai 14 ai 30 anni del Comune di Foligno. E consentito un massimo di 15 partecipanti per laboratorio. L’attività dell’oratorio “Don Mariano” proseguirà anche nella stagione estiva con un ricco calendario di proposte e iniziative.

Si parte dal nuovo oratorio15 giugno al 3 luglio con tre intense settimane di esperienze e relazioni.
Si prosegue con un campo scuola a Frontignano per i ragazzi dalla IV elementare alla II Media (6 –10 luglio), una gita comunitaria a Torino nei luoghi in cui è vissuto San Giovanni Bosco in occasione del bicentenario della nascita (12 – 17 luglio).
Dal 20 al 25 luglio è in programma una settimana a Vitipeno per i giovani dal primo al terzo anno delle scuole superiori e per concludere dal 27 al 31 luglio per i ragazzi del dopocresima è previsto un viaggio in Albania.

Dove un tempo sorgeva l’Asilo parrocchiale voluto da don Luigi Polanga negli anni 20 del secolo scorso, ora nel Terzo Millennio sta sorgendo il “Centro Giovani” dell’Oratorio.
I lavori del cantiere stanno in questi mesi proseguendo alacremente anche grazie ad un primo stanziamento di 400.000 € pervenuti dalla C.E.I. grazie alle donazioni dell’8 per mille.

Sta quindi germogliando un luogo di nuova centralità sociale, culturale e spirituale per la crescita e la formazione giovanile. Un luogo di nuova memoria e identità collettiva per Sant’Eraclio.