Torrino

di Andrea Piermarini

INAUGURATO L’ANNO ACCADEMICO 2018 – 2019 DELL’UNIAUSER LIBERA UNIVERSITA POPOLARE AL CENTRO GIOVANI DI S.ERACLIO. L’EVENTO E STATO ALLIETATO DALLA CORALE DEL TORRINO

 Da quindici anni a Sant’Eraclio e Sportella Marini la Libera Università Popolare è una esperienza che migliora la qualità della vita sconfiggendo la solitudine. Dagli enti c’è attenzione e risorse che ci consentono di effettuare lezioni coerenti con il nostro motto “non tutto ma un po’ di tutto”. Questi concetti sono stati espressi dal vice presidente regionale UniAuser Fausto Tucci giovedì 6 dicembre nel corso dell’inaugurazione dell’Anno Accademico 2018-19 in un affollato “Centro Giovani” in piazza Fratti. 

uniauserL’evento è stato allietato dal Coro del Torrino, tutto al femminile, diretto dal maestro Francesco Corrias. Ha intrattenuto il pubblico con brani musicali incentrati sul ruolo della donna nel primo conflitto mondiale e poi nel sindacato, con canzoni di denuncia delle condizioni di lavoro dell’epoca. In seguito anche le tradizionali melodie natalizie sono state apprezzate dai presenti con scroscianti applausi.

Il pomeriggio ha poi assunto un rilievo istituzionale con il saluto delle autorità. “In un momento storico in cui impera la maleducazione e le barbarie, ha dichiarato il vice Sindaco e assessore alla cultura Rita Barbetti, l’UniAuser favorisce la socializzazione e la condivisione delle tradizioni letterarie, artistiche, consigli per vivere meglio. Ha posto l’accento sull’interscambiabilità dei ruoli: i docenti eruditi che apprendono sempre cose nuove dall’esperienza di vita dei canuti allievi che traggono benefici dalle lezioni aggiornando il proprio bagaglio culturale”.  

L’assessore comunale ai servizi sociali Maura Franquillo ha affermato che “l’UniAuser in tutti questi anni è stata portata avanti con passione, dedizione, competenza, fornendo sempre pregevoli stimoli e spunti formativi”.

uniauserNel prendere la parola il parroco dell’Unità Pastorale “Sant’Eraclio – Cancellara” don Luigi Filippucci ha affermato: “nel 70esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani l’UniAuser nel sostenere la cultura dà fortezza e coraggio all’essere umano in modo non aggressivo. Una presenza per comunicare, un dialogo per l’abbattimento della sfiducia, facendo un servizio alla persona”
Il presidente regionale UniAuser Enrico Sciamanna nel ringraziare lo staff operativo coordinato da Fausto Tucci, Enrico Romagnoli, Ugo Lucidi ha annunciato che a settembre gli associati si recheranno a Bari ad assistere all’opera “Il Barbiere di Siviglia” mentre prossimamente visiteranno anche il Santuario della Spogliazione e il Museo della Memoria ad Assisi.

Molteplici gli argomenti delle lezioni. A gennaio si va dal “Pellegrinaggio di Santiago” raccontato da Roberto Testa  all’ “Ascesa dei partiti populisti in Europa” approfondimento di Luisito Sdei. A febbraio tra gli altri argomenti “Uno Schlinder nostrano? L’ “Affaire” Porcarelli proposto dettagliatamente da Adriano Serafini. A marzo Anna Rita Bucchi parlerà de “La prevenzione degli incidenti domestici nella terza età e in età pediatrica” mentre Testa Mariangela farà da cicerone ne “Le rocche dei Trinci”. Tra aprile e maggio un viaggio di Enrico Sciamanna ne “Il primo cinquecento a Firenze” e un tuffo di Gabriele Pastori negli “Strumenti tecnologici e risorse in rete per menti curiosi”. 

Le lezioni si terranno a Sportella Marini in via Raffaele Sanzio sede dell’ex Circoscrizione n.4 ogni martedì alle 17  a partire dall’ 11 dicembre. A Sant’Eraclio l’appuntamento è previsto al “Centro Giovani” ogni giovedì alle 17 dal 13 dicembre, con l’eccezione di due venerdì il 25 gennaio e il 26 aprile.  L’anno accademico si protrarrà sino al 2 maggio 2019. La serata si è conclusa con un momento conviviale condiviso espressione del raffinato artigianato culinario locale.