di Andrea Piermarini

Festa del Centenario della Comunanza Agraria occasione di rilancio del territorio di Sant’Eraclio.

Primo strumento la Confederazione di 12  Comunanze Agrarie per dare sviluppo e garantire occupazione

festa della comunanza   “Un territorio quello di Sant’Eraclio che partendo dalla storia, dalla valorizzazione delle eccellenze agroalimentari possiede idee e progetti per far diventare il Castello dei Trinci un centro di attrazione per turisti e pellegrini”
Questa volontà di rinascita del tessuto sociale della frazione folignate coeso e collaborativo è stata rimarcata  dal presidente del Consiglio di Amministrazione della Comunanza Agraria di Sant’Eraclio Giacomo Committeri durante la presentazione del programma di “Facciamo Festa insieme” al Vecchio Molino Viola. Tre giorni di eventi dal 21 al 23 dicembre per celebrare i 100 anni della Comunanza Agraria.

 “Un primo strumento che ci siamo dati per puntare allo sviluppo e garantendo occupazione è senza dubbio – sostiene Committeri -  la Confederazione tra le Comunanze Agrarie per intercettare i fondi locali ed europei. Vi hanno aderito ben 12 realtà di pari grado in dignità e autonomia che si estendono dalla Valle del Menotre alle località collinari che sovrastano Sant’Eraclio”

Il neo priore del Contrastanga Carlo Mattioli si è soffermato sulla consolidata collaborazione tra i giovani di S.Eraclio e il rione che è sfociata in questa occasione nella mostra fotografica “Da giovani popolani del Castello a popolani del Rione Contrastanga” dove verranno esposti presso il Centro Giovani della Parrocchia anche abiti di tamburini e figuranti. “E nostra intenzione continuare nei prossimi anni – dichiara Mattioli, questo stretto legame con Sant’Eraclio collaborando fattivamente anche con il Carnevale dei Ragazzi”.

Il parroco dell’Unità Pastorale “Sant’Eraclio - Cancellara” don Luigi Filippucci ha evidenziato che in questo centenario “l’uomo di ieri e di oggi si incontrano per dare certezza al futuro del popoloso quartiere e nel tempo le istituzioni sia civili che religiose a Sant’Eraclio si sono sempre prodigate per la valorizzazione della persona”  “Con l’accensione della lampada votiva alla lapide dei caduti delle due grandi guerre e la S,Messa presieduta dal Vescovo della Diocesi Gualtiero Sigismondi si vuole – ha affermato don Luigi -  fare memoria delle persone che hanno dimostrato senso di appartenenza a questa comunita”.

  Presso il Centro Giovani si terranno anche altre mostre fotografiche. Dai lavori artistici degli studenti dell’Istituto comprensivo statale Foligno 3 “Galilei” alla rassegna di libri antichi e vintage, a laboratori di fiabe, ai “100 anni insieme alla Comunanza Agraria” con foto e documenti storici che raccontano la vita sociale dal 1918 in poi.
Nella stessa esposizione vi sarà una sezione dedicata al rapporto tra Sant’Eraclio e Giuseppe Garibaldi con documenti inediti. A tagliare il nastro è stato invitato dagli organizzatori il pronipote dell’eroe dei due Mondi Giuseppe Garibaldi.
Le mostre sono state curate da Roberto Mosconi, Ugo Lucidi, Roberto Testa e Carlo Mattioli. 

Oltre ai convegni  su “Comunanze agrarie dalle origini ad oggi più di un secolo di gestione del bene comune”  “Europa ed eccellenze locali quali progetti insieme” e “Castello al Centro” la Festa del Centenario avrà anche una sensibilità ecologica e una finalità educativa in quanto l’Istituto comprensivo Galilei in collaborazione con la Vus e la Comunanza inaugurerà le tre giornate con “Tecnodifferenziata: dialogo tra generazioni sulla raccolta differenziata” coinvolgendo gli alunni delle quarte classi  della scuola primaria e con “La collaborazione tra istituzioni per una comunicazione ambientale diffusa”.

  All’interno dell’antico fortilizio di pianura dei Trinci nelle vie verrà allestita una mostra mercato delle eccellenze agroalimentari (legumi, olio, formaggi) e stand natalizi dei commercianti del paese. Vi sarà anche un aspetto ludico e sportivo con una escursione di gruppi di camminatori tra gli ulivi lunga 11 chilometri e un passaggio dei ciclisti di mbx vestiti da Babbo Natale che raggiungeranno la località di Cancelli e data l’approssimarsi del Natale non mancheranno le “Lettere a Babbo Natale” presso il Cartoon Park di via S.Abbondio nel Parco “Soli  - Marchionni”