Vorrei esprimere un pensiero e una riflessione a tutti gli utenti della Comunanza Agraria di Sant’Eraclio.

parco soli marchionniIl pensiero va al parco Soli Marchionni, fondato, non solo da coloro a cui è dedicato, ma anche dal contributo dei numerosi volontari del tempo, che hanno fatto del”campetto” un luogo di incontro e di socialità per tutto il paese. Per più di trent’anni Donati e suoi molti collaboratori hanno gestito il circolo del campetto con costanza e fantasia.

Oggi, purtroppo venendo meno il volontariato la struttura ha perso la sua attrattiva.

La Comunanza Agraria ha ereditato questo luogo che ritengo sia la culla della nostra appartenenza al paese di S.Eraclio. Il parco Soli Marchionni ci ha visto protagonisti con vari ruoli e ora, anche a causa alla pandemia che ci ha distanziato non solo fisicamente ma anche nei comportamenti, rischia di divenire un luogo dimenticato.

Ritengo che questo paese non solo possa essere un esempio di comunità viva, ma possa anche indicare la via per uscire da questo disagio sociale.

Il problema della temporanea chiusura del bar non deve pregiudicare la fine dell’attività sociale del circolo; in questo periodo, in attesa della nuova gestione, non abbandoniamoci al pessimismo ma cerchiamo di trovare energie positive in tutti noi.

Dobbiamo superare le discussioni sterili sul passato (quello che poteva essere e non è stato), e stringerci insieme per dare ai ragazzi che frequentano il parco il giusto insegnamento sul bene comune, sensibilizzandoli rispetto alle finalità della proprietà collettiva. L’approccio con i paesani deve essere improntato all’amicizia e alla semplicità senza che gli anziani si mettano in cattedra. Credo allora che il “campetto” tornerà ad essere il cuore pulsante delle famiglie che vogliono incontrarsi e sentirsi comunità.

Dobbiamo reagire, anche se ci sono molti di noi spaventati (giustamente!) dal ritorno del virus; basta mantenere le regole del distanziamento.

Occorre riappropriarci dei luoghi simbolo della nostra comunità; pertanto invito tutti gli utenti di buona volontà ad aiutarci a tenere aperto il più possibile il “campetto” e a mantenerlo in condizioni tali che tutte le famiglie e le persone che lo vorranno possano frequentarlo serenamente.

Un cordiale saluto

Giacomo C.