Rasiglia
 
RASIGLIA -FOLIGNO (Pg)
“PICCOLA VENEZIA DELL’UMBRIA “
 
Frazione montana del comune di Foligno (PG), facente parte della Valle del fiume Menotre.
Il paese è situato a 648 m s.l.m., a circa 18 km da Foligno lungo la Strada statale 319 Sellanese che conduce in alta Valnerina.
Il paese conserva l'aspetto tipico di borgo medievale umbro, raccogliendosi in una struttura ad anfiteatro.
Le prime notizie sull’esistenza del paese risalgono agli inizi del XIII secolo, nelle cosiddette "carte di Sassovivo", cioè l'archivio dell'Abbazia di Sassovivo. Qui è menzionata per la prima volta la curtis de Rasilia, che risultava avere come edificio di culto la chiesa di S. Pietro.
Rasiglia era fiancheggiata dall'antica via della Spina,a circa tre chilometri, importante per i traffici commerciali tra Adriatico e Tirreno ed in particolare tra Roma e la Marca Anconetana. Nel XIV secolo anche a difesa della strada furono costruite alcune fortificazioni. Tra queste va ricordato, a Rasiglia, il castello dei Trinci (signori di Foligno), che con la sua posizione strategica permetteva il controllo della valle del Menotre.
Nella prima metà del Seicento, diminuita l'importanza militare, Rasiglia si affermò per le attività artigianali (mulini, opifici) grazie alla forza idrica proveniente dal fiume Menotre.
Dal 1945 al 1980 circa, Rasiglia ebbe il massimo sviluppo economico ma negli ultimi decenni con la chiusura delle attività industriali, gran parte degli abitanti si è spostata a Foligno.
Attualmente ha un turismo molto sviluppato , è sempre piena di visitatori ed è conosciuta come la “Venezia dell’Umbria”.
 
la piaggia
 
 
(Foto Adele)

ozio_gallery_jgallery