Val Nerina: Chiesa di San SalvatoreChiesa di S. SALVATORE IN CAMPI DI NORCIA, considerata "La CAPPELLA SISTINA" della Valnerina, per la quantità e la qualità dei dipinti in essa presenti come si può vedere dalle immagini sottostanti scattate nel 2005

 

 

 

 

 

 Vedi anche Abbazia di Sant'Eutizio

Val Nerina Ciesa di San Salvatore Val Nerina Ciesa di San Salvatore Val Nerina Val Nerina
Valnerina Valnerina Valnerina Valnerina
Valnerina Valnerina Valnerina Valnerina
Valnerina valnerina Valnerina Valnerina
Vanerina      

 

CHIESA SAN SALVATORE A CAMPI DI NORCIA (Pg)
DISTRUTTA DAL SISMA DEL 2016
Anticamente detta pieve di Santa Maria, crollata completamente durante i terremoti del 26 e 30 ottobre 2016.
Con i suoi numerosi rifacimenti, le bellezze delle opere d'arte che custodiva, è stata testimonianza di un millennio di fede e di storia.
L'edificio era costruito interamente in pietre squadrate; la facciata era simmetrica con due rosoni a trafori e due portali a sesto acuto ricchi di intagli; uno stretto portico medievale li univa, sorretto da un'unica tozza colonna centrale a due ante. Il portale di destra, a due rincassi con colonnina a spirale, e il rosone corrispondente erano molto più ricchi di quelli di sinistra, lato che però vantava più accuratezza e omogeneità nella cortina muraria. Il muro di destra, scandito da quattro monofore a sguancio, presentava un andamento a scarpa che terminava con un'alta torre campanaria in pietre conce ben levigate, iniziata da maestri locali nel quattrocento, ma portata a termine da maestri lombardi intorno al 1538; era composta da tre ordini che si innalzavano da un basamento modanato, con cinque piccole finestre a strombo; era priva di cuspide, andata distrutta durante il terremoto del 1859.
Dopo il sisma del 2016, del campanile resta solo il basamento. Anche il piccolo cimitero adiacente è stato pesantemente danneggiato.
Le navate erano due spartite da cinque pilastri: quella di destra spoglia di qualsiasi decorazione, conservava sul pavimento inciso il progetto mai realizzato di una parte del campanile. Quella di sinistra era affrescata fin dietro l'altare e, circa a metà, era attraversata da un'iconostasi costruita nel 1463.
Il FAI ha preso a cuore questa chiesa , speriamo che lo Stato ed il Fondo Ambiente Italiano, possano presto ricostruire questo capolavoro.
 
la Piaggia