di Andrea Piermarini

Presentazione del libro Sant'Eraclio dagli anni 40 ad oggiFOLIGNO - “A Sant’Eraclio la presenza dei nomadi rappresenta un problema sociale. E’ impossibile pensare che nel 2014 vi siano delle popolazioni che vivono ancora in quelle condizioni. Tale sfida la si deve affrontare come comunità. E’ indispensabile comprendere che le diversità rappresentano un valore, un’opportunità di crescita collettiva e non elementi che determinano separatezza nel tessuto sociale”. Così il Sindaco Mismetti nel corso della presentazione del libro “S.Eraclio dagli anni 40 ad oggi – da mamma Rita a Riccardo e Sofia” di Angelo Bocci. Il primo cittadino ha poi aggiunto che “oggi in questa crisi economica è essenziale, come nel secondo dopoguerra, che l’attuale generazione si contraddistingua per il riscatto del cambiamento”. All’iniziativa che si è svolta negli affollati gazebo del parco “Soli-Marchionni” sono intervenuti anche la docente universitaria Cristofori e don Filippucci parroco dì S.Eraclio. Presenti anche i neo assessori Franquillo e Belmonte. “L’amore per il paese mi ha spinto – ha affermato Bocci - a realizzare questo opuscolo”. Il libro secondo la Cristofori è “uno scritto di libertà dove la storia di S.Eraclio si ricostruisce con i volti delle persone, delineando un microcosmo di attività produttive (bar, maniscalchi, fornai) e di luoghi di relazione come il lavatoio “Petruju” dove si veniva a conoscenza di ciò che accadeva nel paese. Il tutto si coniuga con gli episodi della storia personale dell’autore. Ai giorni d’oggi purtroppo il centro storico di S.Eraclio è vuoto, la vita di un tempo non c’è più, si fatica a portare avanti gli impegni nelle varie associazioni”. Infine per ripopolare il centro storico della frazione la Cristofori ha proposto al Sindaco di calmierare i prezzi delle case per favorire l’acquisto da parte di giovani famiglie. Il libro si arricchisce di poesie in dialetto sui luoghi, le usanze ma anche della descrizione dei giochi dell’epoca, una galleria fotografica e dei dipinti realizzati da Bocci. La pubblicazione del libro per il parroco Filippucci si inserisce in un momento di cambiamento del territorio che ha acquisito un autorevolezza istituzionale e per la Comunanza Agraria che ha affidato all’imprenditoria giovanile del “Girasole” la gestione del Circolo “On Air”.