S.Eraclio: Olio il Castellodi Andrea Piermarini

L’Oleificio sociale “Il Castello” con sede a Sant’Eraclio per una sera, sabato 31 ottobre, è stato al “Centro de Lu Munnu”.

Infatti 9 giornalisti esteri ed esperti internazionali specializzati nel settore agroalimentare, provenienti dall’Expo 2015 di Milano, hanno visitato la struttura ubicata in via delle Industrie.
La società cooperativa è stata infatti coinvolta insieme ad altri frantoi di Foligno, Assisi, Spello, Gualdo Cattaneo, Spoleto e Bevagna nel tour “La Fenice d’Oro” promosso dal “Consorzio di tutela dell’olio extravergine di oliva Dop Umbria” e dalla Regione dell’Umbria per valorizzare e promuovere l’olio dop e il territorio umbro al di fuori dei confini nazionali.


S.Eraclio: Olio il CastelloBernard Burtschy, giornalista di Le Figaro, le Figaro Magazine, L’Avis du Vin (Francia); Luigi Caricato, scrittore, oleologo e giornalista (Italia); Laura Forno, giornalista di Vanity Fair (Italia); Mitsuyo Kitamura, giornalista e scrittrice, organizzatrice di eventi dedicati al food (Giappone); Nobue Kikuchi, chef al Kikuchi Restaurant di Londra (Giappone); Alessandra Moneti, giornalista specializzata in agroalimentare dell’agenzia Ansa di cui cura anche il canale web “Terra e Gusto” (Italia); Yuko Okuma, editore Yuko Edizioni di Okuma Yuko (Giappone); Elena Puchkarskaia, giornalista del Kommersant (Russia); Alma Torretta, giornalista devinogusto.be, infoitalie.be, winenews.it, cronachedigusto.it (Belgio) sono stati accolti da Giovambattista Tosti presidente dell’Oleificio Sociale “Il Castello” che richiama
la fortezza storica simbolo di Sant’Eraclio che troneggia nella piazza principale del paese.
“La nostra è una realtà di piccoli e medi olivicoltori della zona sorta negli anni 70 che punta esclusivamente alla qualità del prodotto che ha ricevuto riconoscimenti in numerosi concorsi regionali e nazionali.
Quest’anno abbiamo realizzato cinque tipologie dell’olio “Il Castello”: dop, bio dop, extravergine, extravergine bio e primizia.
I giornalisti hanno assistito interessati alle fasi della lavorazione dalla molitura dell’olivo sino alla nascita dell’olio.
La serata è proseguita con la degustazione da parte dei giornalisti delle eccellenti caratteristiche organolettiche dell’olio dop “Il Castello” che “si esaltano – secondo il presidente Tosti – con le zuppe di legumi e l’erbe campagnole.”
Oltre ai frantoi nel tour “La Fenice d’oro” i giornalisti hanno potuto visionare un territorio ricco di storia, con i suoi borghi medievali, le sue bellezze artistiche e i suoi paesaggi incontaminati.
Si sono toccate le seguenti mete dal lago Trasimeno all’isola Polvese,
al borgo di Solomeo recuperato dall’imprenditore “mecenate” Brunello Cucinelli nel settore del cachemire, ad Assisi dove hanno visitato la Basilica di San Francesco, a Spello per il paese caratteristico incastonato tra gli ulivi, i palazzi storici di Foligno e la meravigliosa cornice del Festival dei Due Mondi diSpoleto.

S.Eraclio: Olio il Castello S.Eraclio: Olio il Castello